WhatsApp crea dipendenza: un utente su tre abusa del servizio

Galleria

Secondo uno studio condotto da Abdullah Sultan (esperto di comportamento dei consumatori presso l’università del Kuwait) e pubblicato sul The Social Sience Journal, WhatsApp Messenger è diventato una vera e propria mania che può creare dipendenza al punto da essere utilizzato 12 volte l’ora. Ad ammetterlo … Continua a leggere

Samsung:Presentato il Galaxy S5…

ImmagineMolti dei rumors delle ultime settimane sono stati smentiti. Molti dei rumors delle ultimissime ore sono stati confermati. A partire dalla presenza di un sensore di impronte digitali e da quello – novità per gli smartphone – di un cardiofrequenzimetro.
Il Samsung Galaxy S5 presenta poi una fotocamera migliorata, con Hdr e autofocus più efficaci e un sensore da 16 Megapixel. Un design che, pur mantenendo le caratteristiche tipiche di Samsung (cover e batteria rimovibili, plastica e non metallo o vetro), si rinnova con un retro in un inedito materiale morbido e traforato.Immagine Molto più gradevole dal vivo che in foto: particolarmente riuscita questa colorazione blu, con riflessi cangianti. S5 è impermeabile e resistente alla polvere. Funzioni interessanti (e utili, a differenza di S4), come il Downlaod Booster e l’Ultra Power Saving Mode che trasforma lo schermo in bianco&nero per allungare l’autonomia quando la batteria scarseggia.
Per il resto saranno delusi i fanatici dell’ultima specifica tecnica più pazzesca del reame: niente 3 GB di Ram, niente cpu a mille core e niente schermo 8K, né 4K né 2K (resta un Full Hd Super Amoled). Esce l’11 aprile, prezzo italiano da capire,ma presumibilmente in linea con i prezzi di altri top di gamma della casa Koreana.

WhatsApp si aggiorna con la novità del Video editing

Galleria

Questa galleria contiene 1 immagine.

Sebbene non sia ancora disponibile tramite aggiornamento diretto dal Play Store, la nuova caratteristica con la quale verrà presto arricchito WhatsApp risulta già disponibile nel caso in cui si effettui il download del programma direttamente dal sito ufficiale whatsapp.com/android. Stiamo … Continua a leggere

Xperia Honami mini,lo smartphone Sony in grado di competere con l’Iphone 5s?

Galleria

Questa galleria contiene 1 immagine.

Nonostante la presentazione nel corso dell’IFA 2013 di Berlino non sia al momento certa, sembra che il produttore nipponico potrebbe sorprenderci svelando non solo il suo nuovo smartphone portabandiera Xperia Honami, ma anche una particolare versione “mini” che, ad eccezione … Continua a leggere

Parte dall’Australia lo “Stop PHubbing”,scopriamo insieme cos’è…

20130809-091636.jpgArriva da Twitter una nuova “mozione” anti phubber. La parola, coniata proprio per indicare chi snobba le conversazioni “reali” per concentrarsi sul proprio dispositivo mobile, rappresenta un comportamento sempre più diffuso e fastidioso, al punto di aver spinto un gruppo di australiani a dar vita alla campagna Stop Phubbing.
L’obiettivo è semplice quanto efficace: prendere per i fondelli tutti i “tossici da cellulare” che non riescono a staccarsene nemmeno mentre sono in dolce compagnia.
Un’abitudine che non risparmia nessuno, dagli adolescenti, ai professionisti, ai politici capaci di twittare e messaggiare persino durante i talk show. Il galateo 2.0 parla chiaro: nei momenti di convivialità sociale, sarebbe opportuno lasciar perdere lo smartphone e concentrarsi sulla compagnia o quanto meno sulla buona creanza.
Per gli esperti non è solo cattiva educazione, ma un fenomeno d’involuzione sociale. Si rischia di creare una nuova progenie di tecno-misantropi: iper connessi ma in realtà isolati in un microcosmo fatto di bit, blog, tweet e chat.
Secondo sondaggio condotto dalla McCann Truth Central per il Sunday Times, un terzo della percentuale degli inglesi intervistati si definisce un phubber: il 27% ha ammesso di rispondere al telefono durante una conversazione “reale” ed il 16% di controllare i social network più di dieci volte al giorno.
Uno scenario inquietante al punto che sugli stessi social network compaiono gruppi di boicottaggio che invitano a riappropriarsi di cose genuine come una stretta di mano al posto di un “like”, una cena tra amici invece di un “forum”, un bacio vero al posto di digitare “kiss” e “smack”. Sembrerremo meno figli del nostro tempo, ma saremo più uomini e, di sicuro, più educati.

Wifi finalmente libero!

20130726-095254.jpgUn importante passo per la liberalizzazione del Wi-Fi nel nostro paese è stato fatto nelle scorse ore, la Commissione bilancio alla Camera ha infatti modificato nuovamente il testo, eliminando completamente gli obblighi imposti fino adesso agli esercenti, ammesso che non siano la principale fonte di guadagno. Una buona notizia per tutti noi italiani, costretti fino ad oggi a presentare le generalità per poter godere di connettività gratuita in luoghi pubblici, facilitando a tutti queste operazioni.