Con D’Ippolito,dal torneo d’Ostuni alla serie A.Viaggio nel mondo del gioco più bello del mondo:Il calcio

20130514-121200.jpgQuale appassionato di calcio, da piccolo, non ha sognato almeno una volta di diventare un calciatore? Fantasticare è bello, ma i sogni non sempre si realizzano. Forse, se il desiderio è quello di entrare a far parte del mondo del calcio, è più facile intraprendere la strada da procuratore o dirigente. Ne potrebbe esser dimostrazione Cosimo D’Ippolito. Tarantino d’origine ha deciso di intraprendere il percorso per diventare Dirigente sportivo  , all’età di 24 anni,certamente uno dei più giovani in Europa. La redazione di Tutt’Oggi Taranto lo ha incontrato per un’intervista esclusiva e per fare il punto sulla situazione del calcio in Italia soprattutto a livello giovanile.

20130514-121300.jpgCosimo, come è nata l’idea di provare a diventare Dirigente calcistico?
Fin da piccolo ho avuto il sogno di lavorare nel mondo del calcio, ho sempre voluto fare quello. Mi sentivo pronto a seguire il corso ,per procuratore sportivo,pre-esame che sto seguendo nella mia città Taranto, anche se ero inizialmente scettico circa l’esame stesso, la mia strada,però,era segnata.Lavorare nel calcio è certamente un sogno speciale”.

Come mai hai deciso di fare l’agente o il Dirigente e non magari il calciatore?
Il primo sogno di tutti è quello di fare il calciatore, è sempre il primo pensiero. Io sono nato e cresciuto ammirando Zidane,Totti,Pirlo. Poi quando diventi più grande, alle superiori, capisci quali sono i tuoi veri progetti,capisci di non essere abbastanza bravo per fare quella professione e quale lavoro se non quello del Dirigente,soprattutto nell’ambito del mercato  è più adatto a chi come me guardava e guarda tutt’ora partite di ogni serie ogni giorno??”.

Ma ora parliamo di calcio giocato.Spesso ti sentiamo elogiare il nuovo calcio colombiano.Hai già avuto modo di conoscere qualche giovane talento colombiano?
Certamente a mio modesto avviso il calcio colombiano è in grande ascesa,poi considerando lo stato economico precario del nostro calcio risulta certamente più semplice pescare in un paese come la Colombia dove il giovane talento è meno costoso rispetto ai colleghi argentini e brasiliani.Il giovane che ritengo più pronto per l’Europa è sicuramente John Fredy Miranda. Si tratta di una punta di piede destro classe ’96, un talento assoluto in forza al Santa Fè. E’ un attaccante molto abile e veloce, purtroppo è stato messo in ombra dal suo coetaneo Joao Rodriguez già bloccato dal Chelsea”.

Tornado più al calcio nostrano,ieri si è concluso un importante torneo giovanile,il torneo città D’Ostuni,che hai seguito in esclusiva per noi,come ti è sembrato e soprattutto quale giocatore ha catturato la tua attenzione?

Il Torneo città d’Ostuni è ormai un appuntamento fisso per i giovani talenti che hanno voglia di mettersi in vetrina.Infatti più che soffermarmi su giocatori giovani già “affermati” come i vari Beltrame,Ganz,Magnusson,talenti di sicuro avvenire in serie A ,vorrei fare un focus su talenti ancora in erba.Certamente come già detto in precedenza il giocatore che più mi ha impressionato è stato Kamano,centrocampista africano classe ’94 dell’Andria.A tal proposito essendo tarantino vorrei tanto vederlo giocare allo Jacovone,certamente di un livello superiore rispetto a giovani centrocampisti Jonici già in organico quest’anno come ad esempio Fonzino,surclassato dallo strapotere fisico del giocatore africano durante il match Taranto-Andria,chissà in un futuro prossimo potrei portarlo in riva allo jonio.Altro talento penso sia Dumitru,sempre dell’Andria,di nazionalità rumena,osservato anche dal Parma.Nel Taranto,invece grande attenzione ho riposto su Francesco Faccini . Nato a Brindisi, classe 92′ e professione attaccante, Faccini, prima dell’arrivo in rossoblù ha indossato la maglia della formazione Primavera del Pescara andando a segno ben quattordici volte in una sola stagione.Questi 3 giocatori sono a mio parere i migliori tra quelli poco conosciuti”.

Il Taranto milita ora in Serie D,ma senza dubbio l’aspirazione è quella di tornare il prima possibile tra i professionisti.La situazione di Lega Pro,però sembra essere precaria attualmente,cosa ne pensi?

“A fine stagione saranno molti i club che verranno radiati e messi in liquidazione; ad oggi sono più di 20 società che rischiano di perdere il posto in Serie C e altre categorie. L’obiettivo sarà arrivare alla stagione 2014 ad un campionato professionistico con 3 gironi da 20 squadre ciascuno chiamato Serie C; questo comporterà che più di 30 club perderanno il professionismo. Inoltre anche all’estero la situazione non è più facile come una volta, basta pensare che negli ultimi 10 anni circa campionati come Belgio, Svizzera, Portogallo e Austria prima snobbati, ora si sono rivalutati ed il livello tecnico si è alzato di molto”.

Il calciatore che arriva in Lega Pro che caratteristiche deve avere?

Le qualità per giocare in serie C ma anche in B a mio avviso sono semplici, oltre ad avere le basi il calciatore deve avere testa, possedere grande umiltà e grande spirito di sacrificio. Poi se si è bravi tecnicamente ancora meglio”.

Infine, cosa cambieresti del calcio italiano?

“Abolire la categoria Primavera, e adotterei il sistema spagnolo che prevede una squadra “a”,una squadra “b” e a volte una squadra “c” che militano nelle leghe inferiori. Questo permetterebbe ai giovani di confrontarsi non solo con i loro pari età ma anche con giocatori più grandi ed esperti. Eliminerei inoltre la regola dei “giovani” in Lega pro,è un insulto ai giovani.Credo che i giovani debbano giocare se bravi e non perchè imposti dai regolamenti, e i giovani bravi in Italia sono veramente tanti”.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...