Il nuovo Sony xperia Z è lo smartphone meno nocivo per l’uomo

20130205-111745.jpgL’acquisto di uno smartphone sembra essere caratterizzato fondamentalmente da parametri che riguardano le specifiche tecniche del dispositivo e sulle particolarità del suo design. Nessuno, o forse pochi, pensano all’acquisto di un dispositivo mobile prendendo in considerazione il suo valore di SAR, ossia di emissioni di frequenze elettromagnetiche, che risultano in qualche modo nocive per l’uomo.
La classifica aggiornata con le uscite dei nuovi telefoni ha premiato il nuovo Sony Xperia Z che ha raggiunto uno valore quanto mai basso di SAR per un dispositivo dalle caratteristiche tecniche come quello dell’azienda giapponese. Una nota, quindi, decisamente di merito sia per l’azienda che per tutti gli ingegneri che hanno partecipato alla sua realizzazione, che oltre ad avere pensiero per le sue peculiarità tecniche ed estetiche hanno voluto rendere il device anche decisamente “green”.
Il SAR, tecnicamente, è il tasso di assorbimento specifico (Specific Absorption Rate) che esprime la misura della percentuale di energia elettromagnetica assorbita dal corpo umano quando questo viene esposto all’azione di un campo elettromagnetico a radiofrequenza (RF). Quando si misura il SAR dovuto ad un telefono cellulare, quest’ultimo viene collocato accanto all’orecchio, cioè dove lo posizionerà il suo utente nelle reali condizioni di utilizzo. Il valore del SAR dunque è misurato in condizioni di assorbimento massimo da parte del corpo umano (nella fattispecie della testa). Nel caso del telefono cellulare l’orecchio, infatti, è spesso il punto più vicino all’antenna. I vari governi hanno definito i limiti di sicurezza di esposizione all’energia RF prodotta dai dispositivi mobili.
Stati Uniti d’America: la Commissione Federale per le Comunicazioni (FCC) richiede che i telefoni cellulari venduti abbiano un livello di SAR minore o uguale di 1.6 watt per chilogrammo (W/kg) riferito ad un volume contenente una massa di 1 grammo di tessuto.
Unione Europea: il Comitato europeo di normazione elettrotecnica (CENELEC) stabilisce i limiti per il SAR nell’area UE, seguendo gli standard dell’IEC. Per i telefoni cellulari, ed altri dispositivi portatili, il limite del SAR è 2 W/Kg mediato rispetto a 10 g di tessuto.
Rispetto a questi dati il nuovo Sony Xperia Z ha raggiunto un ottimo valore di appena 0.55 W/Kg di SAR. Un valore decisamente basso pensando in primis ai limiti imposti dalle normative internazionali e tenendo anche conto dei valori dei rivali. Per esempio il blasonato iPhone 5 raggiunge un valore di SAR pari a 0.90 W/Kg decisamente più elevato di quello del Sony Xperia Z. Gli unici a raggiungere livelli più bassi del Sony risultano essere i nuovi Galaxy S III e Note II di Samsung che rispettivamente non superano i valori di 0.34 W/Kg e 0.11 W/Kg.
Insomma un risultato quanto mai soddisfacente per questo nuovo terminale di Sony che oltre ad avere tutte le caratteristiche tecniche di ultima generazione e decisamente potenti, possedere un design che lo sta facendo amare già ancora prima di essere stato commercializzato, può permettersi anche il privilegio di essere utilizzato senza avere il pensiero delle sue radiazioni per l’utente.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...